Agenti di Commercio Roma - F.N.A.A.R.C. al servizio degli Agenti

Fnaarc Roma > Lo Star del Credere e la Garanzia da Parte dell’Agente di Commercio
Lorenzo Bianchi - Roma, 13 dicembre 2012
Lorenzo Bianchi

Lo Star del Credere e la Garanzia da Parte dell’Agente di Commercio

Quando si può pattuire la garanzia dell'affare.

Dal 1999 è stato eliminato lo star del credere.

Ricordo che detto istituto – in passato regolato dagli accordi economici collettivi – è consistito nel rimborso da parte dell’agente, ed in favore del preponente, di un importo massimo del 15% del prezzo non pagato dal cliente rimasto insolvente.

La morte dello star del credere deriva dunque dalla modifica dell’art.1746 del codice civile, come detto realizzata nel 1999.

Il terzo comma del citato articolo infatti molto chiaramente recita:

E’ vietato il patto che ponga a carico dell’agente una responsabilità, anche solo parziale, per l’inadempimento del terzo (ossia del cliente).

La norma però prosegue, stabilendo la possibilità per le parti di concordare – di volta in volta – la concessione di una apposita garanzia da parte dell’agente.

Più concretamente la legge dispone che:

  • la garanzia non deve e non può esser imposta dal preponente bensì, affinché la stessa abbia effetto, dovrà esser concordata e/o espressamente accettata dall’agente;
  • la garanzia deve esser riferita a singoli affari, e quindi non potrà esser generalizzata;
  • gli affari per i quali è concordata la garanzia dovranno avere particolare natura ed importo (e cioè dovranno esser sostanzialmente differenti dagli affari ordinariamente procurati dall’agente o conclusi dal preponente);
  • la garanzia assunta dall’agente non può superare l’ammontare della provvigione che lo stesso avrebbe maturato per il caso di regolare conclusione dell’affare;
  • per l’assunzione della garanzia, deve esser previsto un apposito corrispettivo in favore dell’agente (il quale dunque, in caso di regolare conclusione dell’affare, dovrà godere sia della provvigione sia dell’ulteriore corrispettivo).

Per quanto detto, è evidente che sono o saranno estremamente rare le occasioni in cui si potrà pattuire la garanzia dell’affare da parte dell’agente.