Agenti di Commercio Roma - F.N.A.A.R.C. al servizio degli Agenti

Fnaarc Roma > Indennità di clientela a seguito di pensione di vecchiaia anticipata
Redazione FNAARC Roma - Roma, 30 Marzo 2017
Redazione FNAARC Roma

Con piena soddisfazione vi informiamo che ieri, mercoledì 29 marzo, presso la sede di Confcommercio a Roma, abbiamo raggiunto l’Accordo, assieme ai firmatari dell’AEC Commercio 2009, che prevede il riconoscimento dell’indennità suppletiva di clientela anche nel caso di dimissioni da parte dell’agente dovute a conseguimento di pensione di vecchiaia anticipata INPS e/o ENASARCO e/o APE.

Si tratta di un importantissimo risultato raggiunto a seguito di un percorso di confronto sindacale avviato da FNAARC lo scorso gennaio con la convocazione di tutte le sigle sindacali della nostra categoria, proseguito con diversi momenti di incontro e conclusosi ieri dopo una partecipata riunione durata oltre 10 ore.

L’Accordo è stato raggiunto tra: Confcommercio – Confcooperative – Confesercenti e FNAARC – FIARC – USARCI – FISASACT CISL – UIL.

Per FNAARC erano presenti il Presidente Corsi, il Vice Presidente Vicario Petranzan e il Segretario Generale Coletti.

Tale Accordo, in vigore già dal 1° aprile 2017, costituisce una sostanziale modifica dell’AEC Commercio del 16 febbraio 2009, nello specifico all’art.13, paragrafo II) indennità suppletiva di clientela, terzo capoverso, che viene pertanto sostituito nel seguente modo:

L’indennità suppletiva di clientela sarà altresì corrisposta – sempre che il rapporto sia in atto da almeno un anno – in caso di dimissioni dell’agente dovute a:

  • invalidità permanente e totale;
  • per infermità e/o malattia per le quali non può essergli ragionevolmente richiesta la prosecuzione del rapporto;
  • conseguimento di pensione di vecchiaia e/o anticipata e/o APE Enasarco e/o INPS;
  • per circostanze attribuibili al preponente (art. 1751 c.c.)
  • in caso di decesso. In tal caso le indennità verranno corrisposte agli eredi legittimi o testamentari

Per completezza di informazione l’Accordo prevede inoltre l’impegno di tutte le parti a costituire a breve termine una Commissione Paritetica avente il compito di affrontare i temi dell’AEC 2009 che necessitano di un approfondimento, in particolare la formazione e l’aggiornamento professionale, il cui termine dei lavori è fissato per il 31 ottobre 2018 a seguito e sulla base del quale verranno avviate le procedure di rinnovo dell’AEC.

Quanto è stato conseguito con questa fondamentale modifica dell’AEC consentirà di fatto, a partire dal prossimo 1° aprile, agli agenti e rappresentanti del settore commercio di poter accedere alle previsioni della più recente legislazione in materia pensionistica e dell’ENASARCO.

Ringraziamo il dott. Guido Lazzarelli dirigente dell’area sindacale di Confcommercio e i suoi collaboratori per l’encomiabile ruolo svolto di coordinamento e mediazione.