Agenti di Commercio Roma - F.N.A.A.R.C. al servizio degli Agenti

Fnaarc Roma > Finalmente Accordi per gli Agenti!
Lorenzo Bianchi - Roma, 12 Marzo 2012
Lorenzo Bianchi

Chi è tenuto, come il sottoscritto, a convivere costantemente con gli aspetti giuridici del contratto di agenzia gradirà di sicuro i nuovi AEC.

Gli Accordi infatti introducono disposizioni dirette a castigare le furberie delle preponenti e quindi costituiscono anche grande aiuto agli agenti di commercio che spesso si trovano costretti a subire le vessazioni delle mandanti.

Vediamo le novità più interessanti:

  • art. 1 tende ad evitare l’abuso di forme collaborative “simili” all’agenzia (ad esempio il procacciamento d’affari), che consentono alle ditte mandanti di non versare il dovuto presso l’Enasarco e di aggirare, tra le altre cose, gli obblighi di pagamento delle indennità di fine rapporto;

  • l’art. 1 bis è diretto a limitare la pattuizione del periodo di prova e la reiterazioni di contratti di durata determinata;

  • l’art. 2 regola le variazioni contrattuali, introducendo il diritto all’indennità di mancato preavviso per il caso d’immediata applicazione della modifica contrattuale;

  • l’art. 6 dispone che, qualora la ditta ritardi il pagamento delle provvigioni di oltre 15 giorni, la stessa sarà tenuta a versare all’agente gli interessi come da D.Lgs. 231 del 2002 (al momento pari a più del 10%);

  • l’art. 7 stabilisce che il patto di non concorrenza pstcontrattuale potrà esser concordato solo all’inizio del rapporto (e non alla fine), senza alcuna futura variazione unilaterale;

  • l’art. 9 regola le ipotesi di gravidanza e puerperio, consentendo la sospensione del rapporto d’agenzia per un massimo di 12 mesi;

  • gli artt. 12 e 12 bis (finalmente) riconoscono agli agenti un’indennità meritocratica che effettivamente premia il buon lavoro svolto.

Non v’è dubbio che i nuovi AEC abbiano di gran lunga migliorato le precedenti pattuizioni. Ed assicuro che, per chi è costretto – volente o nolente – a discutere con le ditte mandanti anche quotidianamente, i nuovi AEC costituiscano una base di diritto solida e vantaggiosa.

Tuttavia dei vantaggi e della giustizia collettiva ne potrà usufruire solo chi fa (o farà) parte della famiglia FNAARC – ARARC.

Agli altri va comunque il nostro “in bocca al lupo”!